Passa ai contenuti principali

Prevenire la diffusione di coronavirus sul posto di lavoro

coronavirus e posto di lavoro

Semplici modi per prevenire la diffusione di Coronavirus sul posto di lavoro 


Le misure a basso costo di seguito aiuteranno a prevenire la diffusione di infezioni sul posto di lavoro, come raffreddori, bachi di influenza e di stomaco e proteggete clienti, appaltatori e dipendenti. I datori di lavoro dovrebbero iniziare a fare queste cose ora, anche se coronavirus non è arrivato nelle comunità dove operano. Queste misure possono ridurre i giorni di lavoro persi a causa di malattia e fermare o rallentare diffusione di coronavirus se arriva in uno dei tuoi luoghi di lavoro.

Assicurarsi che i luoghi di lavoro siano puliti e igienici


- Le superfici (ad es. Scrivanie e tavoli) e gli oggetti (ad es. Telefoni, tastiere) devono essere puliti con disinfettante regolarmente

- Perché? Perché la contaminazione su superfici toccate da dipendenti e clienti è una delle i principali modi in cui coronavirus si diffonde.

Promuovere il lavaggio delle mani regolare e completo da parte di dipendenti, appaltatori e clienti


- Collocare i dispenser per strofinare le mani disinfettanti in luoghi importanti intorno al luogo di lavoro. Assicurarsi questi distributori vengono regolarmente ricaricati

- Mostra poster che promuovono il lavaggio delle mani - chiedi alla tua autorità sanitaria pubblica locale per questi o consultare www.WHO.int

- Combinare con altre misure di comunicazione come l'offerta di assistenza da funzionari di salute e sicurezza sul lavoro, briefing durante le riunioni e informazioni su intranet siti per promuovere il lavaggio delle mani

- Assicurarsi che il personale, gli appaltatori e i clienti abbiano accesso ai luoghi dove possono lavarsi le mani con acqua e sapone

- Perché? Perché il lavaggio uccide il virus sulle mani e impedisce la diffusione di coronavirus.

 Promuovere una buona igiene respiratoria nei luoghi di lavoro


- Mostra poster che promuovono l'igiene respiratoria. Combina questo con altre comunicazioni misure quali assistenza da parte di responsabili della salute e della sicurezza sul lavoro, informazioni a riunioni e informazioni sull'intranet, ecc.

- Assicurati che sul tuo posto di lavoro siano disponibili maschere per il viso1 o fazzoletti di carta, per chi sviluppare un naso che cola o tosse al lavoro, insieme a contenitori chiusi per lo smaltimento igienico di loro

- Perché? Perché una buona igiene respiratoria impedisce la diffusione di coronavirus.

Consigliare ai dipendenti e agli appaltatori di consultare i consigli di viaggio nazionali prima di partire per viaggi di lavoro.


Informa i tuoi dipendenti, appaltatori e clienti che se coronavirus inizia a diffondersi nel tuo comunità chiunque abbia anche una tosse lieve o febbre bassa (37.3 C o più) deve rimanere a casa. Dovrebbero anche rimanere a casa (o lavorare da casa) se hanno dovuto prendere semplice farmaci, come paracetamolo / acetaminofene, ibuprofene o aspirina, che possono mascherare sintomi di infezione


- Continuare a promuovere il messaggio secondo cui le persone devono rimanere a casa anche se ne hanno solo sintomi lievi di coronavirus

- Mostra i poster con questo messaggio nei tuoi luoghi di lavoro. Combina questo con altri canali di comunicazione comunemente utilizzati nella tua organizzazione o azienda

- I vostri servizi di medicina del lavoro, autorità di sanità pubblica locale o altri partner possono hanno sviluppato materiali per campagne per promuovere questo messaggio

- Rendere chiaro ai dipendenti che saranno in grado di contare questa pausa come congedo per malattia

Commenti

Post popolari in questo blog

Quando un test sierologico è attendibile?

Quando un test sierologico è attendibile?

"Le caratteristiche principali di un test sono la sensibilità e la specificità da cui dipende l'affidabilità del risultato. Nel nostro caso, la sensibilità si riferisce alla capacità di rilevare elettivamente anticorpi contro Covid-19 quando presente. Una sensibilità del 100% significa che tutti quelli che hanno sviluppato anticorpi, se testati, sono positivi. Al contrario, una sensibilità dell'85% significa che su 100 persone che hanno effettivamente sviluppato anticorpi, se sottoposti al test solo 85 sono positivi, 15 sono falsi negativi. mano, è la capacità di non confondere ciò che stiamo cercando per altri virus o di dare falsi positivi ".

Quali sono la sensibilità e le specificità dei test rapidi per Covid-19?
"Secondo le dichiarazioni dei produttori, la specificità è elevata e superiore al 90%, mentre la sensibilità varia tra l'80 e il 90%"

Fonte:
https://parma.repubblica.it/

Cosa sono gli anticorpi IgM e IgG?

Cosa sono gli anticorpi IgM e IgG?

"Semplificando, il nostro sistema immunitario inizialmente reagisce implementando la cosiddetta risposta immunitaria primaria o innata o la produzione, dopo un intervallo di tempo (chiamato periodo di finestra) variabile a seconda dell'agente biologico, di un particolare tipo di anticorpo chiamato IgM. La presenza di IgM specifiche del virus nel sangue indica che esiste un'infezione virale iniziale. Le cellule B che producono IgM in grado di riconoscere il virus si differenziano in una fase successiva e iniziano a produrre IgG, anticorpi che riconoscono le proteine ​​virali con altissima specificità e neutralizzano il virus. La produzione di IgG dura a lungo e poi diminuisce, ma non scompare mai del tutto. Le cellule B della memoria rimangono nel nostro corpo che sono in grado, nel caso in cui torniamo in contatto con il virus, di attivare una risposta immediata proliferando e producendo di nuovo IgG altamente specifiche per il virus da…

Bisogna fare anche il tampone dopo il test sierologico?

Bisogna fare anche il tampone dopo il test sierologico?
 Risponde Franco Locatelli, presidente del Consiglio superiore di sanità.


“Avere un test positivo per gli anticorpi - spiega Locatelli - non esclude che in quel momento un soggetto possa essere contagioso. È possibile, infatti, aver prodotto gli anticorpi (e quindi essere positivo per il test sierologico) ma avere ancora il virus in circolazione e quindi essere pericolosamente contagioso. Per questo motivo, dovrebbe essere eseguito anche un tampone: solo se questo test è negativo puoi essere sicuro di non essere contagioso. "Quindi, i test sierologici non danno una licenza di immunità, ma dicono solo se una persona ha sviluppato o meno anticorpi contro il virus.


Fonte:
https://www.repubblica.it