Passa ai contenuti principali

Misure di protezione di base contro il coronavirus


Misure di protezione di base contro il coronavirus

Tieni presente le ultime informazioni sull'epidemia COVID-19, disponibili sul sito Web dell'OMS e attraverso la tua autorità sanitaria pubblica nazionale e locale. La maggior parte delle persone infette soffre di malattia lieve e guarisce, ma può essere più grave per gli altri. Prenditi cura della tua salute e proteggi gli altri nel modo seguente:

Lavati spesso le mani

Pulisci regolarmente e accuratamente le mani con una mano a base di alcool o lavale con acqua e sapone.

Perché? Lavarsi le mani con acqua e sapone o usare uno straccio a base di alcol uccide i virus che potrebbero esserci sulle mani.

Mantenere il distanziamento sociale

Mantenere una distanza di almeno 1 metro (3 piedi) tra se stessi e chiunque tossisca o starnutisca.

Perché? Quando qualcuno tossisce o starnutisce, spruzzano piccole gocce di liquido dal naso o dalla bocca che possono contenere virus. Se sei troppo vicino, puoi respirare le goccioline, incluso il virus COVID-19 se la persona che tossisce ha la malattia.

Evitare di toccare occhi, naso e bocca

Perché? Le mani toccano molte superfici e possono raccogliere virus. Una volta contaminate, le mani possono trasferire il virus a occhi, naso o bocca. Da lì, il virus può entrare nel tuo corpo e farti ammalare.

Pratica l'igiene respiratoria

Assicurati che tu e le persone intorno a te seguiate una buona igiene respiratoria. Questo significa coprire la bocca e il naso con il gomito o il tessuto piegato quando si tossisce o starnutisce. Quindi smaltire immediatamente il tessuto usato.

Perché? Le goccioline diffondono il virus. Seguendo una buona igiene respiratoria proteggi le persone intorno a te da virus come raffreddore, influenza e COVID-19.

In caso di febbre, tosse e difficoltà respiratorie, consultare immediatamente un medico 

Resta a casa se non ti senti bene. In caso di febbre, tosse e difficoltà respiratorie, consultare un medico e chiamare in anticipo. Seguire le indicazioni dell'autorità sanitaria locale.

Perché? Le autorità nazionali e locali disporranno delle informazioni più aggiornate sulla situazione nella tua zona. Chiamare in anticipo consentirà al tuo operatore sanitario di indirizzarti rapidamente alla giusta struttura sanitaria. Questo ti proteggerà e ti aiuterà a prevenire la diffusione di virus e altre infezioni.

Tieniti informato e segui i consigli forniti dal tuo medico

Tieniti informato sugli ultimi sviluppi di COVID-19. Seguire i consigli forniti dal proprio fornitore di assistenza sanitaria, dall'autorità sanitaria pubblica nazionale e locale o dal datore di lavoro su come proteggere se stessi e gli altri da COVID-19.

Perché? Le autorità nazionali e locali disporranno delle informazioni più aggiornate sul fatto che COVID-19 si stia diffondendo nella tua zona. Sono nella posizione migliore per consigliare su ciò che le persone nella tua zona dovrebbero fare per proteggersi.


Fonte:
https://www.who.int

Commenti

Post popolari in questo blog

Quando un test sierologico è attendibile?

Quando un test sierologico è attendibile?

"Le caratteristiche principali di un test sono la sensibilità e la specificità da cui dipende l'affidabilità del risultato. Nel nostro caso, la sensibilità si riferisce alla capacità di rilevare elettivamente anticorpi contro Covid-19 quando presente. Una sensibilità del 100% significa che tutti quelli che hanno sviluppato anticorpi, se testati, sono positivi. Al contrario, una sensibilità dell'85% significa che su 100 persone che hanno effettivamente sviluppato anticorpi, se sottoposti al test solo 85 sono positivi, 15 sono falsi negativi. mano, è la capacità di non confondere ciò che stiamo cercando per altri virus o di dare falsi positivi ".

Quali sono la sensibilità e le specificità dei test rapidi per Covid-19?
"Secondo le dichiarazioni dei produttori, la specificità è elevata e superiore al 90%, mentre la sensibilità varia tra l'80 e il 90%"

Fonte:
https://parma.repubblica.it/

Cosa sono gli anticorpi IgM e IgG?

Cosa sono gli anticorpi IgM e IgG?

"Semplificando, il nostro sistema immunitario inizialmente reagisce implementando la cosiddetta risposta immunitaria primaria o innata o la produzione, dopo un intervallo di tempo (chiamato periodo di finestra) variabile a seconda dell'agente biologico, di un particolare tipo di anticorpo chiamato IgM. La presenza di IgM specifiche del virus nel sangue indica che esiste un'infezione virale iniziale. Le cellule B che producono IgM in grado di riconoscere il virus si differenziano in una fase successiva e iniziano a produrre IgG, anticorpi che riconoscono le proteine ​​virali con altissima specificità e neutralizzano il virus. La produzione di IgG dura a lungo e poi diminuisce, ma non scompare mai del tutto. Le cellule B della memoria rimangono nel nostro corpo che sono in grado, nel caso in cui torniamo in contatto con il virus, di attivare una risposta immediata proliferando e producendo di nuovo IgG altamente specifiche per il virus da…

Bisogna fare anche il tampone dopo il test sierologico?

Bisogna fare anche il tampone dopo il test sierologico?
 Risponde Franco Locatelli, presidente del Consiglio superiore di sanità.


“Avere un test positivo per gli anticorpi - spiega Locatelli - non esclude che in quel momento un soggetto possa essere contagioso. È possibile, infatti, aver prodotto gli anticorpi (e quindi essere positivo per il test sierologico) ma avere ancora il virus in circolazione e quindi essere pericolosamente contagioso. Per questo motivo, dovrebbe essere eseguito anche un tampone: solo se questo test è negativo puoi essere sicuro di non essere contagioso. "Quindi, i test sierologici non danno una licenza di immunità, ma dicono solo se una persona ha sviluppato o meno anticorpi contro il virus.


Fonte:
https://www.repubblica.it