Passa ai contenuti principali

Chi è Anthony S. Fauci. Direttore di NIAID


Chi è Anthony S. Fauci. Direttore di NIAID

Biografia

Il Dr. Fauci è stato nominato Direttore del NIAID nel 1984. Supervisiona un ampio portafoglio di ricerca di ricerca di base e applicata per prevenire, diagnosticare e trattare malattie infettive accertate come HIV / AIDS, infezioni respiratorie, malattie diarroiche, tubercolosi e malaria, nonché malattie emergenti come Ebola e Zika. NIAID supporta anche la ricerca su trapianti e malattie immuno-correlate, inclusi disturbi autoimmuni, asma e allergie. Il bilancio NIAID per l'anno fiscale 2020 è stimato a 5,9 miliardi di dollari.
Il dottor Fauci ha consigliato sei presidenti sull'HIV / AIDS e su molti altri problemi di salute nazionali e globali. È stato uno dei principali architetti del Piano di emergenza del Presidente per l'AIDS Relief (PEPFAR), un programma che ha salvato milioni di vite in tutto il mondo in via di sviluppo. Il Dr. Fauci è anche il capo di lunga data del Laboratorio di Immunoregolazione. Ha fornito numerosi contributi alla ricerca di base e clinica sulla patogenesi e sul trattamento delle malattie immunomediate e infettive. Ha aiutato a fare da pioniere nel campo dell'immunoregolazione umana facendo importanti osservazioni scientifiche di base che sostengono l'attuale comprensione della regolazione della risposta immunitaria umana. Inoltre, il Dr. Fauci è ampiamente riconosciuto per delineare i modi precisi con cui gli agenti immunosoppressori modulano la risposta immunitaria umana. Ha sviluppato terapie efficaci per malattie infiammatorie e immunomediate precedentemente fatali come la poliarterite nodosa, la granulomatosi con poliangioite (precedentemente granulomatosi di Wegener) e la granulomatosi linfomatidea. Un'indagine del Centro di artrite della Stanford University del 1985 appartenente all'American Rheumatism Association ha classificato il lavoro del Dr. Fauci sul trattamento della poliarterite nodosa e della granulomatosi con poliangioite tra i più importanti progressi nella gestione dei pazienti in reumatologia negli ultimi 20 anni.

Contributo all'HIV

Il Dr. Fauci ha dato un contributo fondamentale alla comprensione di come l'HIV distrugge le difese del corpo portando alla sua suscettibilità alle infezioni mortali. Inoltre, è stato determinante nello sviluppo di trattamenti che consentano alle persone con HIV di vivere una vita lunga e attiva. Continua a dedicare gran parte della sua ricerca ai meccanismi immunopatogeni dell'infezione da HIV e alla portata delle risposte immunitarie dell'organismo all'HIV.

In un'analisi del 2019 delle citazioni di Google Scholar, il Dr. Fauci si è classificato come il 41 ° ricercatore più citato di tutti i tempi. Secondo la Web of Science, si è classificato all'ottavo posto su oltre 2,2 milioni di autori nel campo dell'immunologia per numero totale di citazioni tra il 1980 e gennaio 2019.

Riconoscimenti

Il Dr. Fauci ha tenuto importanti conferenze in tutto il mondo ed è stato insignito di numerosi premi prestigiosi, tra cui la Presidential Medal of Freedom (il più alto riconoscimento conferito a un civile dal Presidente degli Stati Uniti), la National Medal of Science, la Medaglia George M. Kober dell'Associazione dei medici americani, il premio Mary Woodard Lasker per il servizio pubblico, il premio Albany Medical Center in medicina e ricerca biomedica, la medaglia d'oro Robert Koch, il premio Prince Mahidol e il Canada Gairdner Global Health Award . Ha anche conseguito 45 lauree honoris causa da università negli Stati Uniti e all'estero.


Fauci è membro della National Academy of Sciences, della National Academy of Medicine, dell'American Academy of Arts and Sciences e dell'American Philosophical Society, nonché di altre società professionali tra cui l'American College of Physicians, l'American Society for Clinical Investigation, Association of American Physicians, Infectious Diseases Society of America, American Association of Immunologists e American Academy of Allergy, Asthma & Immunology. Fa parte dei consigli di redazione di numerose riviste scientifiche; come editore dei Principi di medicina interna di Harrison; e come autore, coautore o editore di oltre 1.300 pubblicazioni scientifiche, inclusi numerosi libri di testo.

Fonte:
https://www.niaid.nih.gov/

Commenti

Post popolari in questo blog

Quando un test sierologico è attendibile?

Quando un test sierologico è attendibile? "Le caratteristiche principali di un test sono la sensibilità e la specificità da cui dipende l'affidabilità del risultato. Nel nostro caso, la sensibilità si riferisce alla capacità di rilevare elettivamente anticorpi contro Covid-19 quando presente. Una sensibilità del 100% significa che tutti quelli che hanno sviluppato anticorpi, se testati, sono positivi. Al contrario, una sensibilità dell'85% significa che su 100 persone che hanno effettivamente sviluppato anticorpi, se sottoposti al test solo 85 sono positivi, 15 sono falsi negativi. mano, è la capacità di non confondere ciò che stiamo cercando per altri virus o di dare falsi positivi ". Quali sono la sensibilità e le specificità dei test rapidi per Covid-19? "Secondo le dichiarazioni dei produttori, la specificità è elevata e superiore al 90%, mentre la sensibilità varia tra l'80 e il 90%" Fonte : https://parma.repubblica.it/

Cosa sono gli anticorpi IgM e IgG?

Cosa sono gli anticorpi IgM e IgG? "Semplificando, il nostro sistema immunitario inizialmente reagisce implementando la cosiddetta risposta immunitaria primaria o innata o la produzione, dopo un intervallo di tempo (chiamato periodo di finestra) variabile a seconda dell'agente biologico, di un particolare tipo di anticorpo chiamato IgM. La presenza di IgM specifiche del virus nel sangue indica che esiste un'infezione virale iniziale. Le cellule B che producono IgM in grado di riconoscere il virus si differenziano in una fase successiva e iniziano a produrre IgG, anticorpi che riconoscono le proteine ​​virali con altissima specificità e neutralizzano il virus. La produzione di IgG dura a lungo e poi diminuisce, ma non scompare mai del tutto. Le cellule B della memoria rimangono nel nostro corpo che sono in grado, nel caso in cui torniamo in contatto con il virus, di attivare una risposta immediata proliferando e producendo di nuovo IgG altamente specifiche per il viru

Bisogna fare anche il tampone dopo il test sierologico?

Bisogna fare anche il tampone dopo il test sierologico?  Risponde Franco Locatelli, presidente del Consiglio superiore di sanità. “Avere un test positivo per gli anticorpi - spiega Locatelli - non esclude che in quel momento un soggetto possa essere contagioso. È possibile, infatti, aver prodotto gli anticorpi (e quindi essere positivo per il test sierologico) ma avere ancora il virus in circolazione e quindi essere pericolosamente contagioso. Per questo motivo, dovrebbe essere eseguito anche un tampone: solo se questo test è negativo puoi essere sicuro di non essere contagioso. "Quindi, i test sierologici non danno una licenza di immunità, ma dicono solo se una persona ha sviluppato o meno anticorpi contro il virus. Fonte : https://www.repubblica.it